Il Concorso

Annullata l'edizione 2020

A seguito della diffusione del Coronavirus e delle linee guida di emergenza per arginare l'epidemia in Italia e in tutto il mondo, il Comitato Artistico del Verona International Piano Competition ha deciso di annullare la IX edizione del Concorso che si sarebbe dovuta tenere dal 7 al 10 ottobre 2020.
L’incertezza sull’andamento dell’epidemia, unitamente alla preoccupazione di non poter garantire a tutti i concorrenti i più elevati standard di sicurezza personale, ha imposto la scelta etica di rimandare all’anno 2021 questo appuntamento.
Nella certezza che potremo ritrovarci con ancora più entusiasmo per celebrare, con la grande Musica d’Arte, l’uscita da questa drammatica situazione e insieme una nuova rinascita, vogliamo rivolgere un sincero augurio a tutti, soprattutto a quelle persone che stanno lottando contro la malattia.
Al tempo stesso, rivolgiamo il nostro più sincero ringraziamento a tutti gli enti, le istituzioni, gli sponsor e gli amici che ci sostengono.

Il direttore artistico
M° Roberto Pegoraro

Verona International Piano Competition (VIPC) nasce nel 2011 per commemorare la figura di Franz Liszt nel bicentenario della nascita, grazie al fattivo e determinante sostegno del compianto Aldo Ciccolini, presidente onorario.

Fin dai suoi esordi il Concorso è punto di riferimento nel panorama dei premi pianistici internazionali: l'anno successivo, infatti, viene accolto quale membro ufficiale della Alink-Argerich Foundation e ha oggi al suo attivo prestigiose collaborazioni con enti musicali italiani e internazionali. Ha premiato giovani pianisti oggi inseriti nei circuiti concertistici internazionali come Elizaveta Ivanova - Russia (2012), Mamikon Nakhapetov - Georgia (2013), Yoonhee Yang - Corea del Sud (2014), Evgeny Brakhman - Russia (2015), Jin-Hyeon Lee - Corea del Sud (2016), Florian Mitrea - Romania (2016) e Vasyl Kotys - Ucraina (2017).

Il Concorso si caratterizza per il rigore del giudizio delle Commissioni che fin qui si sono succedute, trasparenti nelle votazioni e sempre disponibili al dialogo con tutti gli iscritti. Ricordo i Presidenti di queste edizioni: Roberto Cappello (Italia), Leslie Howard (Inghilterra), Francois-Joël Thiollier (Francia) e Boris Bloch (Ucraina).

L'atmosfera accogliente che si "respira" al VIPC diventa, quindi, opportunità di confronto, comunicazione, solidarietà e amicizia tra i candidati: più di settecento i ragazzi, da più di trenta nazioni diverse, che ad oggi hanno scelto Verona come tappa del loro percorso artistico, entusiasti dell'esperienza e dell'efficiente organizzazione. Non posso non ringraziare i membri del Comitato d'Onore, le Commissioni Giudicatrici, gli sponsor pubblici e privati, l'organizzazione e tutti coloro i quali aiutano in modo determinante il VIPC.

Roberto Pegoraro
Direttore Artistico

Stampa

Questo sito utilizza i cookies